Impara a fare la Pizza

Italia-Malta Pizza Association è la prima associazione di pizzaioli professionisti fondata nel 2014 da Giuseppe Paolini nello stato maltese. L’associazione ha come scopo sociale quello di formare nuovi pizzaioli in giro per il mondo con l’obiettivo di promuovere uno dei prodotti più amati e conosciuti dell’Italia nel mondo, la Pizza. Che sia nata in Egitto o a Napoli la Pizza è senza dubbio uno degli alimenti più amati e consumati dagli italiani, e un’associazione volta alla sua tutela mediante la formazione di nuovi pizzaioli rappresenta quanto di meglio si possa chiedere in questo momento.

Obiettivo dell’associazione è approfondire e valorizzare la conoscenza di uno dei prodotti più amati dagli italiani. I corsi sono organizzati con cadenza settimanale e per ogni informazione è possibile raggiungere la segreteria dell’associazione al 3471282461 oppure mediante il sito internet www.italiamaltapizzaassociation.com

I corsi sono oltre 10 con particolare attenzione a tutti i tipi di impasti e a forme anche spettacolari di creazione di impasti come il corso sulla pizza acrobatica tenuto dal campione mondiale Daniele Ucciardo. I corsi sono tenuti con l’idea di formare nuovi pizzaioli e certificare i nuovi corsisti con un diploma ed una iscrizione ad un albo dei pizzaioli qualificati. Alla fine dei corsi vengono rilasciati certificati HAACP per avere tutte le carte in regola per aprire una propria pizzeria e lanciarsi in questo business molto profittevole a detta degli operatori del settore.

L’associazione ovviamente partecipa e sponsorizza eventi di natura locale e internazionale, il prossimo in programma è quello ad Ispica che si terrà nel mese di Marzo. Gli eventi, la cui partecipazione è gratuita sono sicuramente un momento ideale per venire a contatto con i maestri dell’Associazione Italia-Malta inoltre questi ultimi sono sempre disponibili per info e chiarimenti sui corsi.

Un altro modo per venire in contatto con l’associazione è senza dubbio il canale Social
dell’associazione in particolare Facebook, Twitter e Instagram dove i gestori sono molto attivi.